Torna alla pagina iniziale del sito

Disagi alla circolazione causa maltempo

emergenza conclusa [29 Settembre 2007, 13:58]

Livello di emergenza: Emergenza Conclusa
Data ed Ora della notizia: 29 Settembre 2007, 13:58
emergenza conclusa

Allagamenti, praticamente concluse le operazioni [28 Settembre 2007, 18:27]

Livello di emergenza: Codice Verde
Data ed Ora della notizia: 28 Settembre 2007, 18:27
Si sono praticamente concluse le operazioni delle squadre dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile relative agli interventi richiesti per far fronte agli allagamenti dovuti alla eccezionale precipitazione del 26 settembre u.s. segnalati alla centrale operativa del 115.

Restano ancora in attività le squadre impegnate all’interno della Polimeri Europa e lungo via della Chimica a Marghera.

Pertanto è stata conseguentemente chiusa l’attività anche della sala operativa unificata costituita presso il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

I primi dati riassuntivi di tutti gli interventi svolti sono i seguenti:
- richieste di intervento giunte alla centrale operativa dei Vigili del Fuoco: 1.482*
- interventi effettuati dalle squadre dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile: 539*
- squadre che hanno operato tra Vigili del Fuoco e Protezione Civile: circa 350
- pattuglie operative del Comando di Polizia Municipale: 120
- personale operativo impegnato nel complesso delle attività svolte: circa 1.400 operatori
- personale di coordinamento (sala operativa e altre attività): circa 100 persone
- sono intervenute squadre di Vigili del Fuoco di tutti i Comandi Provinciali del Veneto, nonché squadre del Friuli – Venezia Giulia, della Lombardia e dell’Emilia – Romagna;
- le squadre della Protezione Civile provenivano dai Gruppi Comunali di tutte le Province della Regione Veneto;

* molte richieste di intervento facevano riferimento ad una unica fonte che ha provocato l’emergenza (per esempio le cabine di distribuzione dell’ENEL) per cui un unico intervento ha risposto a più richieste, in altri casi con il deflusso delle acque è rientrata la situazione di difficoltà segnalata, altre situazioni, ancora, sono state risolte con interventi diretti dei cittadini. Nello stesso tempo la durata degli interventi di minore dimensione è stata di circa 4 ore mentre per quelli più impegnativi si è andati oltre le 15 – 20 ore.

Per quanto attiene alle necessità dei cittadini di conferire i materiali e i beni mobili danneggiati e resi inservibili dagli allagamenti si invita alla consultazione del sito web di Vesta (www.vestaspa.net), nella home page del quale sono riportate le relative modalità.

La Regione Veneto con provvedimento del 27 settembre u.s. ha decretato lo stato di crisi per le Province di Venezia, Treviso e Padova.

Il documento è stato trasmesso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri perché il Governo possa adottare la dichiarazione dello stato di calamità naturale.

Per quanto attiene ai contributi per i danni riportati dai beni immobili dei privati il Comune di Venezia nella prossima settimana provvederà a pubblicare sul sito Internet e all’albo comunale, a mettere a disposizione dei cittadini nelle Municipalità e presso i principali uffici aperti al pubblico, il modulo contenente le procedure per le richieste di rimborso dei danni stessi.

Tali procedure saranno in sostanza quelle già attivate per i rimborsi relativi alla alluvione del 17 settembre 2006. Come già detto in quell’occasione, ai fini dell’erogazione dei rimborsi si terrà conto delle somme eventualmente già riconosciute, per il medesimo evento, da parte di altri soggetti (altre amministrazioni pubbliche, società di assicurazione, etc).

Maltempo, emergenza conclusa [28 Settembre 2007, 10:16]

Livello di emergenza: Codice Verde
Data ed Ora della notizia: 28 Settembre 2007, 10:16
Sono in corso di svolgimento gli ultimi interventi finalizzati allo svuotamento di garage interrati e di altri locali posti sotto il livello stradale.

Emergenza allagamenti in terraferma: aggiornamento [27 Settembre 2007, 19:47]

Livello di emergenza: Codice Giallo
Data ed Ora della notizia: 27 Settembre 2007, 19:47
Continua e si moltiplica nelle dimensioni lo sforzo che stanno compiendo le squadre dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile per riportare alla normalità la situazione nella Terraferma veneziana. In questa ultima fase l’intervento è concentrato sullo svuotamento di garage interrati e di altri locali posti sotto il livello stradale.

Alle ore 18 risultano operative 115 squadre, tutte con idrovore o autopompe di grandi, medie e piccole dimensioni, che stanno intervenendo in 101 situazioni.

Sempre alla stessa ora restano da compiere 194 interventi, che si prevede di completare entro la mattinata di domani, dopo aver operato anche per tutta la prossima notte.

Emergenza allagamenti in terraferma: aggiornamento [27 Settembre 2007, 13:25]

Livello di emergenza: Codice Giallo
Data ed Ora della notizia: 27 Settembre 2007, 13:25
Nel complesso le richieste di intervento giunte sino ad ora alla centrale operativa dei Vigili del Fuoco sono state 1218, per un totale di 824 interventi da effettuare (le altre richieste erano “doppioni” di segnalazione oppure riguardavano situazioni di allagamento presto rientrate con il defluire delle acque).

Nel corso della notte sono stati portati a termine altri 76 interventi di grande rilevanza, mentre sono ancora in corso di completamento 64 interventi.

Attualmente stanno operando 54 squadre tra Vigili del Fuoco e Protezione Civile, mentre sono in arrivo da altre Province e da altre Regioni altre 10 squadre dei Vigili del Fuoco e altre 25 squadre della Protezione Civile della Regione Veneto.

Per il controllo della viabilità e di altre situazioni di possibile difficoltà e/o rischio stanno operando oltre 30 pattuglie della Polizia Municipale.

Restano in attesa di essere evase 551 richieste di intervento.

La notte trascorsa sono state trenta le persone ospitate presso strutture alberghiere ed altre richieste stanno pervenendo nella mattinata odierna.

Per quanto attiene alla situazione delle cabine di distribuzione dell’Enel nel corso della notte sono stati completati tutti gli interventi eccettuati quelli relativi a Viale Vespucci, conclusi nella mattinata, e a Piazzale Concordia, in cui da un’ora sta operando la squadra Enel dopo lo svuotamento durato oltre 15 ore.

Per quanto riguarda la situazione dei plessi scolastici, risultano in condizione di dover restare chiusi anche nella giornata di domani e forse oltre: l’Asilo Nido Arcobaleno di Campalto; la Scuola Elementare Diego Valeri di Favaro; la Scuola Elementare Mameli di Dese; l’Asilo Nido Peter Pan di Zelarino. Il resto dei plessi scolastici risulta in condizione di poter essere riaperto domani.

Nubifragio sulla terraferma veneziana: seconda giornata [27 Settembre 2007, 11:08]

Livello di emergenza: Codice Giallo
Data ed Ora della notizia: 27 Settembre 2007, 11:08
Sono continuate questa notte e proseguono questa mattina le operazioni di soccorso nelle zone allagate della terraferma veneziana.
Un aggiornamento della situazione verrà pubblicato non appena giungeranno notizie ufficiali dalla sala operativa dei Vigili del Fuoco.

Nubifragio sulla terraferma veneziana: bilancio della giornata [26 Settembre 2007, 21:27]

Livello di emergenza: Codice Giallo
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 21:27
La violentissima precipitazione che ha interessato la terraferma veneziana ed alcuni comuni limitrofi ha provocato gravissimi disagi vari danni a beni mobili ed immobili, pubblici e privati.

Sin dalle primissime ore della mattina vaste zone di Mestre e di Marghera e delle altre Municipalità sono state coperte da 50 ed in alcuni punti da più di 100 centimetri di acqua.

La precipitazione ha assunto caratteristiche di eccezionalità ancor più rilevanti di quelle del settembre 2006: circa 255 mm di pioggia caduti tra le ore 00.00 e ore 09.00, con punte di 145 mm tra le ore 07.00 e le ore 08.00 e addirittura di 90 mm in 30 minuti danno la misura di tale eccezionalità che ben si comprende se si tiene presente che la precipitazione media annuale nel veneziano si colloca attorno agli 800/900 mm di pioggia.

Per fronteggiare tale situazione, che in poche ore ha comportato oltre 900 richieste di ntervento al centralino dei Vigili del Fuoco, si è immediatamente costituita presso il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco la sala Operativa Unificata di protezione civile per il coordinamento degli interventi a cura di tutti gli Enti competenti e ai cui lavori è intervenuto il Prof. Ugo De Bernardinis per la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento Nazionale della Protezione Civile.

Nel solo comune di Venezia sono state attivate circa 30 squadre dei Vigili del Fuoco e 23 della Protezione Civile, Tutte dotate di motopompe, 41 pattuglie della Polizia Municipale, oltre a quelle della Polizia di Stato e dei Carabinieri, cui devono aggiungersi numerose squadre di tecnici dei consorzi di bonifica, dell'Enel, di Vesta e di altre aziende.

Altre 10 squadre dei Vigili del Fuoco ed altre 20 della protezione civile hanno operato nei Comuni di Dolo, Mira, Campagna Lupia, Camponogara, Campolongo Maggiore, Marcon e Quarto d'Altino.

La situazione di emergenza è stata oggetto di valutazione da parte della Regione Veneto che, anche in base a conforme apprezzamento della Prefettura di Venezia ha ritenuto di proclamare, già in mattinata, lo stato di crisi, premesso per un'eventuale dichiarazione dello stato di calamità naturale da parte del Governo.

Sempre nel solo comune di Venezia alle 19.00 di questa sera risultavano chiusi oltre 70 interventi mentre altri 55 sono tuttora in corso, tutti interventi valutati dalla sala operativa come prioritari. Le operazioni continueranno con oltre 60 squadre per tutta la notte e saranno ulteriormente potenziate nel corso della giornata di domani.

In considerazione della necessità di valutare i danni riportati da numerosi istituti e plessi scolastici, è stata disposta con apposita ordinanza sindacale la sospensione delle attività didattiche per la giornata di domani nelle scuole di ogni ordine e grado della terraferma veneziana.

Particolarmente difficile si è presentata la situazione delle cabine di distribuzione dell'Enel, che nella terraferma veneziana sono nella quasi totalità interrate: oltre 115 di esse risultavano alle ore 09.00 non funzionanti e sono state prosciugate e riattivate nel corso della mattina e del primo pomeriggio. Alle 18.00 risultavano ancora prive di alimentazione una ventina di cabine per circa un migliaio di utenti serviti.

Anche il 30% degli impianti semaforici sono stati messi fuori uso dalla precipitazione e risultano riattivati nella loro quasi totalità salvo alcuni collegati alle cabine Enel non ancora funzionanti.

Sulla linea ferroviaria Mestre Trieste, in località Dese, si è registrato nel pomeriggio uno smottamento, che ha determinato, prima una breve interruzione e poi un rallentamento del traffico ferroviario.

Le situazioni di maggiore emergenza si sono verificate nelle zone di Marghera e Malcontenta, nelle zone di Tessera e nel quadrante nord di Favaro, in quelle di Bissuola e del rione Pertini ed infine in quelle della Gazzera. In tali zone l'acqua sta defluendo con notevole lentezza.

In considerazione dell'impossibilità di diversi nuclei familiari di restare nelle abitazioni allagate durante la notte è stato approntato un servizio per alloggiare gli stessi in strutture alberghiere. Sono sinora una dozzina i nuclei che hanno fatto ricorso a tale servizio.

Durante tutta la notte restano operative, oltre alle sale operative che fanno riferimento ai numeri di pubblica emergenza, anche quelle della Polizia Municipale 041 2747070 e della Protezione Civile Comunale 041 2746800.

La situazione conseguente il nubifragio di questa mattina [26 Settembre 2007, 19:41]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 19:41
La situazione conseguente il nubifragio di questa mattina è stata oggetto di un incontro, questa sera, tra il capo di Gabinetto del sindaco, Maurizio Calligaro, il comandante della Polizia municipale, Marco Agostini, il direttore dell’Ambiente, Gianluigi Penzo, il responsabile della Protezione civile, Lorenzo Furano e i rappresentanti delle Municipalità: i presidenti Massimo Venturini (Mestre-Carpenedo), Gabriele Scaramuzza (Favaro Veneto), Maria Teresa Dini (Chirignago-Zelarino) e il delegato alla Protezione civile Vittorio Baroni (Marghera).

Venturini ha segnalato che in tutta Mestre centro gli scantinati e i garage interrati sono sotto acqua; la situazione è particolarmente critica in Via Crispi, e in Via Amba Aradam, dove alcune famiglie hanno richiesto di essere ricoverate negli alberghi messi a disposizione dal Comune. Alcune zone di Viale Garibaldi e Viale San Marco sono senza energia elettrica; alcune zone di Viale San Marco sono anche senza acqua. A situazione si è invece normalizzata in Via Piave e Via Felisati, mentre in Via Podgora si è reso necessario un intervento delicato per la caduta di alcuni cavi elettrici sulla sede stradale.

Dini ha segnalato che alla Gazzera l’unica strada percorribile è Via Calucci, mentre Via Cimetto e Via Lussinpiccolo sono coperte da 70 cm di acqua.

Scaramuzza ha detto che ampie zone di Favaro sono allagate, così come tutte le vie laterali di Via Gobbi a Campalto; allagate anche le zone di Dese e di Tessera, nell’area del quadrante di Via Triestina.

Baroni ha affermato che la situazione più critica è a Marghera,e particolarmente a Malcontenta, dove sono state già evacuate undici famiglie che vengono ospitate in alberghi di Mestre; altre famiglie sono state raggiunte dalla Protezione civile su gommone per portar loro generi di conforto. Senza energia elettrica sono Catene e Malcontenta: l’Enel conta di ripristinare la fornitura entro le ore 23/24.

Continua il deflusso dell’acqua in terraferma [26 Settembre 2007, 18:17]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 18:17
Continua, sia pur molto lentamente, il deflusso dell’acqua in quasi tutte le zone della terraferma.

Situazioni di forte criticità permangono in tutte le zone centrali di Marghera, nonché in numerose strade di Malcontenta. In particolare nella zona di Malcontenta stanno convergendo delle elettropompe più potenti, di quelle all’opera, fatte arrivare dalle province vicine.

Per quanto riguarda i guasti alle centraline dell’Enel, attualmente le squadre dell’azienda stanno operando per ripristinare, in modo graduale, la fornitura di energia nelle centraline che servono Via Einaudi, la prima parte di Via Torino, Via Ancona, Via Dandolo, Via Firenze, Via Milano, Via Crispi, Via Padre Giuliani, Via Torre Belfredo e inoltre Piazzale Concordia; l’Enel prevede di terminare l’intervento verso le ore 23/24.

Resta chiusa al traffico, perché allagata, Via Madricardo, nella zona di Favaro Veneto dove sono chiuse anche strade minori. E’ stata riaperta invece Via Calucci ed è stata completata la riparazione degli impianti semaforici di Ata Strdale, nelle Vie Vespucci, Fradeletto, Da Verrazzano.

Prossimo aggiornamento alle ore 19.

200 richieste di soccorso soddisfatte dai Vigili del Fuoco [26 Settembre 2007, 17:49]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 17:49
Sono circa 700 le richieste di soccorso dei cittadini arrivate oggi alla Centrale operativa dei Vigili del Fuoco e circa 200 sono già state soddisfatte

Allagamenti in terraferma, nessun guasto all'acquedotto [26 Settembre 2007, 17:36]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 17:36
La rottura di una condotta della rete idrica da Ca’ Solaro a Mestre non ha alcun rapporto con gli allagamenti in terraferma, i quali non hanno in alcun momento interessato né il corretto funzionamento della rete né, tanto meno, le caratteristiche dell’acqua. Lo ha affermato l’Ufficio Stampa di Vesta (Veritas), ricordando che l’unico inconveniente prodotto dalla rottura della condotta è stato un leggerissimo calo della pressione in alcune zone di Mestre. Vesta ha altresì ribadito quanto già diffuso con una nota, a fronte di voci non controllate e del tutto false, e cioè che l’acqua di rubinetto può essere tranquillamente bevuta e usata per tutti i normali scopi.

La situazione sta lentamente migliorando [26 Settembre 2007, 17:33]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 17:33
Continua a pieno regime l'opera delle squadre della Protezione Civile impegnate a Mestre e nelle altre zone della terraferma colpite dall'eccezionale nubifragio di questa mattina.
La situazione sta lentamente migliorando grazie a più stabili condizioni meteorologiche; infatti per le prossime ore non sono previste altre precipitazioni.
A livello stradale sono transitabili tutte le assi principali, a parte il primo tratto di Via Castellana, in quanto il sottopasso ferroviario è ancora allagato.
Si raccomanda agli automobilisti di viaggiare con la massima attenzione e prudenza perché non tutti gli impianti semaforici sono funzionanti.
L'opera delle squadre è rivolta anche al ripristino della linea elettrica dell'Enel.
Risultano al momento prive di energia elettrica: Via Einaudi, la prima parte di Via Torino, Via Ancona, Via Dandolo, Via Firenze, via Milano, Via Crispi, Via Padri Giuliani, Via Torre Belfredo.

Chiusura delle scuole in terraferma [26 Settembre 2007, 16:21]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 16:21
In seguito agli allagamenti nella terraferma veneziana il vice sindaco, Michele Vianello, ha firmato la seguente ordinanza di chiusura delle scuole in terraferma:

"Il vice sindaco, preso atto della situazione venutasi a creare in data odierna, causa maltempo, nella terraferma veneziana tale da provocare l'impraticabilità di numerosissime strade e la conseguente interruzione della viabilità, nonché allagamenti ed infiltrazioni pressoché in tutte le strutture scolastiche ed educative;

Ritenuto di dover garantire le migliori condizioni di viabilità possibili ai mezzi dei Vigili del Fuoco, della protezione Civile ed a tutti i servizi interessati al ripristino delle condizioni di igiene e sicurezza delle strutture educative e scolastiche; di verificare l’agibilità di tutte le strutture scolastiche ed educative.

Visto il combinato disposto degli articoli 50 e 54 del D.Lgs. n.267 del 18 agosto 2000;

Ordina ai responsabili delle strutture scolastiche ed educative di ogni ordine e grado della terraferma veneziana, la sospensione dell’attività didattica ed educativa per la giornata del 27 settembre 2007."

La situazione degli allagamenti sta migliorando [26 Settembre 2007, 16:07]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 16:07
Grazie all'attenuazione dei fenomeni meteorologici e alla fase favorevole della marea, la situazione degli allagamenti in diverse zone della terraferma sta migliorando. Il miglioramento in atto consente di poter intervenire sulle situazioni di maggiore urgenza quali le centraline Enel che sono state raggiunte dalle acque e hanno quindi provocato l'interruzione della fornitura della corrente elettrica in alcune zone di Mestre.

Al momento sono operative oltre 80 squadre tra Vigili del fuoco di diversi comandi, Polizia Municipale, Forze dell'ordine, volontari della Protezione civile del Comune di Venezia e di altri comuni.

Prossimo aggiornamento ore 17.

Rottura di una condotta dell'acqua [26 Settembre 2007, 15:28]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 15:28
Vesta segnala la rottura di una condotta da Ca' Solaro a Mestre con conseguente perdita di pressione e sospensione temporanea della fornitura di acqua soprattutto nella zona di Mestre viale Garibaldi e dintorni.
I tempi di riparazione sono previsti in circa tre ore.

Permangono disagi in vaste zone della Terraferma [26 Settembre 2007, 14:55]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 14:55
A seguito delle precipitazioni eccezionali che dalle ore 0 alle ore 10 di stamane hanno portato sull'entroterra veneziano 255 millimetri di pioggia, particolarmente concentrati dalle ore 7 alle ore 8, con la caduta di 145 millimetri, permangono disagi in vaste zone della Terraferma.
Particolarmente intensi gli allagamenti nelle zone di Tarù e di Malcontenta, nonché in zone di Favaro, Tessera e del centro di Mestre.
Oltre il 30% dei semafori è fuori uso assieme alla quasi totalità dei pannelli a messaggistica visibile.

Alla luce di quanto sopra, la Protezione Civile e il Comando dei Vigili Urbani invitano i cittadini a usare automezzi o comunque a muoversi nella Terraferma veneziana solo in caso di effettiva necessità.

In seguito ai danni riportati da numerosi Istituti scolastici di ogni ordine e grado, è stata disposta per la giornata di domani, giovedì 27 settembre, la sospensione delle attività didattiche. Nelle scuole dovrà essere presente il personale ausiliario per consentire la verifica dei danni subiti e per stabilire i tempi di ripristino.

Prossimo aggiornamento alle ore 16.

Ospitalità per la notte [26 Settembre 2007, 14:43]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 14:43
Le persone o i nuclei familiari che abbisognano di essere ospitati per la notte, non potendo restare nella propria abitazione o non potendo accedere a causa degli allagamenti, possono rivolgersi al numero 041.2746800 della Protezione Civile per segnalare la propria situazione e chiedere istruzioni per essere ospitati in un'apposita struttura.

Vaste zone della Terraferma allagate [26 Settembre 2007, 09:27]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 09:27
La Protezione Civile e il Comando dei Vigili Urbani sconsigliano assolutamente di muoversi, se non per ragioni di assoluta necessità, nella Terraferma veneziana, stante l'impraticabilità di numerosissime strade, nella maggior parte già chiuse al transito, e molti semafori in tilt, per cui la viabilità è interrotta.

Dai dati Arpav (Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto) emerge che dalle ore 03 alle ore 06 di questa notte sono caduti sulla Terraferma 173 millimetri di pioggia.
Questo è un dato non solo eccezionale, ma rappresenta un record assoluto.

Tutte le squadre dei Vigili del Fuoco, affiancate dai volontari di Protezione Civile, stanno intervenendo nelle zone di maggiore difficoltà.

Disagi alla circolazione causa maltempo [26 Settembre 2007, 09:02]

Livello di emergenza: Codice Rosso
Data ed Ora della notizia: 26 Settembre 2007, 09:02
La centrale operativa della Polizia municipale ha comunicato che a causa di condizioni metereologiche avverse che hanno avuto inizio nella notte e tuttora persistono, la circolazione in tutto il terriorio del Comune di Venezia è molto difficoltosa.

Vaste zone della terraferma sono allagate.
Tre squadre della protezione civile, coordinate dai vigili del fuoco, stanno operando


Nel corso della mattinata seguiranno ulteriori comunicazioni.
Totale notizie disponibili: 19