1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Città di Venezia
Home page English

Menu di sezione

Contenuto della pagina

6000 euro regalati al Centro Antiviolenza del Comune grazie al progetto "eVe"


    L'idea del progetto “eVe” è nata solo sei mesi fa: a pensarci sono stati due tassisti veneziani, Daniele Panizzi e Michele Molin, che hanno cercato un modo di raccogliere fondi per sostenere le donne vittime di violenza. Registrando il brand “eVe”, che simboleggia la femminilità, hanno prodotto e venduto, grazie al passaparola e alla loro pagina Facebook, 500 magliette e cappellini, raccogliendo un consenso trasversale che ha nettamente superato le loro aspettative e la somma di 6000 euro, che è stata versata nelle casse comunali, a favore del Centro Antiviolenza.

    L'iniziativa è stata presentata oggi dalla vicesindaco e assessore alla Cittadinanza delle Donne, Luciana Colle, con una conferenza stampa che si è tenuta a Ca' Farsetti, alla quale hanno partecipato gli artefici del progetto, la dirigente del settore Produzioni culturali e spettacolo, Angela Fiorella, e la responsabile del Centro Donna, Gabriela Camozzi.

    “Questo progetto – ha affermato entusiasta la vicesindaco Colle – è una cosa semplicemente grandiosa. Voglio ringraziarvi, anche a nome del sindaco Luigi Brugnaro, per quello che è stato fatto e dirvi subito che i soldi che ci sono stati regalati verranno investiti in parte per sopperire alle situazioni che chiamiamo di 'stand-by', ossia all'assistenza alle donne che vengono recuperate dal pronto soccorso e che necessitano di qualche giorno per venir indirizzate al percorso più adatto; in parte invece per aiutare una donna che entro l'anno uscirà da una delle due case protette del Comune e che comincerà una nuova vita.”

    Dal racconto di Panizzi e Molin è emerso che non sono stati spinti da motivazioni personali specifiche, ma che, da padri di famiglia, hanno voluto creare un business etico, che serva ad educare e a sensibilizzare la gente su questo tema. Il loro obiettivo è far crescere “eVe” a livello nazionale - sostenendo ad esempio il padre di Chiara Insidioso, diciannovenne romana, che, a causa delle violenze subite dall'ex fidanzato, è ridotta allo stato vegetativo -, ma anche internazionale, grazie anche al richiamo che Venezia ha nel mondo.

    “Solo chi ha una sensibilità particolare – ha commentato la vicesindaco Colle – può portare avanti un progetto del genere, senza aver necessariamente dei vissuti familiari particolari. D'altra parte chi fa violenza alle donne è espressione di un determinato retaggio culturale, che si trascina dietro e che riproduce. È agendo su questo fronte e sull'educazione che si può cercare di invertire la tendenza, passo dopo passo. È anche per questo che il prossimo 'Novembre donna' sarà incentrato proprio sulla sensibilità maschile”.
 

Venezia, 27 giugno 2016

 
Un momento della conferenza stampaLa vicesindaco Colle con i due tassisti
foto di gruppo

 
 
 
 
  1. Facebook
  2. Twitter
  3. MySpace
  4. Google
  5. Preferiti
  6. Email
valutazione delle performance
Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©